tria la pasta fatta in casa

San Giuseppe una festa di “Mattre” e fuoco a Erchie

Guardo il calendario, 13 Marzo, questo significa solo una cosa..sta per arrivare la Primavera. Quanta gioia nel cuore, attendo con trepidazione questo periodo dell’anno in cui tutto si risveglia e scaccia via il buio inverno. Noi a sud attendiamo questo momento con un modo tutto nostro per esorcizzare la stagione che sta per concludersi, come? Attraverso il fuoco,  con i falò di San Giuseppe.

I rituali del mese Pazzerello

giornata di sole nella piazza a erchie
A zonzo per …Erchie

I festeggiamenti di San Giuseppe coincidono con un periodo ricchissimo di tradizioni, usi e rituali folkloristici che caratterizzano la Puglia nei giorni che precedono l’equinozio di Primavera.  La devozione al Padre Putativo di Gesù giunge nelle nostre terre grazie alle popolazioni albanese sfuggite dalle persecuzioni nel XVI secolo. La loro fede si è mescolata con i riti di purificazione agraria e ha dato vita ai festeggiamenti di San Giuseppe il 19 marzo che si riproducono ancora a distanza di anni.

Erchie e le Mattre di San Giuseppe

Festeggiato in molte città della regione, attira la mia attenzione il piccolo paesino a pochi chilometri da Oria, con cui ci contendiamo, in maniera pacifica e scherzosa, il Santuario di San Cosimo. Parlo della cittadina di Erchie, un piccolo paesino al confine tra le terre di Brindisi, Taranto e Lecce, conosciuto per il suo Santuario di Santa Lucia. Qui il culto per il Santo è molto diffuso e si festeggia con un falò costruito nei mesi invernali dagli abitanti stessi e le mattre, delle casse rettangolari in legno in cui fanno bella mostra le 13 pietanze della tradizione culinaria contadina nel giorno di festa.

pasta fatta in casa sulle mattre
“tria”

Donare: la più bella delle tradizioni

La tradizione racconta che fossero i ricchi del paese nel giorno di San Giuseppe a donare nelle proprie case i banchetti alla servitù e ai poveri. Ad oggi la tradizione assume una nuova veste e si rivolge a tutta la cittadinanza grazie a molte associazioni e volontari che preparano le Mattre con devozione e partecipazione mantenendo inalterato il fulcro della festa: il DONARE. Ed così che a Mezzogiorno del 19 marzo, nel grande piazzale del Santuario, le numerose tavolate imbandite accolgono tutti i devoti. La portata principale è la tria, la pasta fresca, condita con la mollica di pane fritto, alcune verdure di stagione fritte in pastella, i “lampascioni” e le indimenticabili fave e cicorie.

 

l’aucièddu ti san Ggiseppe

 

piazza e uccelletti

Sulle lunghe Mattre non manca un dono per i commensali l’aucièddu ti san Ggiseppe , un amuleto a forma di uccelletto, fatto di pasta semplice, in grado di scacciare il mal tempo , portando pace e serenità.

Un appuntamento per tutti

Questa e altre storie gli abitanti di Erchie saranno orgogliosi di trasmettere e raccontare, felici di portare avanti un patrimonio immateriale così grande e carico di significato. Voi sapete quanto ci tengo a vivere di persona gli appuntamenti in grado di generare  convivialità e suggestione.
Quest’anno non sarà sola perchè voi avrete la possibilità di viverli  al mio fianco. Io sarò a Erchie la vigilia della festa , con la mia associazione TRÁSI che mira a diffondere le culture locali ad ospiti e curiosi. Desidereresti avere un posto speciale in questa tradizione?
Scopri l’evento Mattre di San Giuseppe/ Pop Experience.

Related Post

4 pensieri su “San Giuseppe una festa di “Mattre” e fuoco a Erchie

  1. Una tradizione che non conoscevamo: grazie Azzurra per questa scoperta! Sul nostro blog invece racconteremo le Tavole di San Giuseppe che si apparecchiano in diversi paesi intorno a Otranto in Salento. Le conoscete?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *